mercoledì 14 dicembre 2011

ATTIVI : VITAMINA A (RETINOLO)

  • ANTI-AGE
La vitamina A si può utilizzare in varie forme, tra le quali si distinguono il retinolo e le sue forme esterificate più stabili, come  retinil acetato, retinil propinato e retinil palmitato. Attraverso l'azione di alcuni enzimi presenti sulla nostra pelle, queste molecole vengono tutte convertite in acido trans-retinoico, che rappresenta la forma biologicamente attiva della Vitamina A. Essa agisce, a livello della cute, attraverso vari meccanismi, primo fra tutti quello di influenzare la trascrizione del DNA, stimolando l'espressione di alcuni enzimi specifici, alcuni dei quali hanno la funzione di migliorare lo spessore cutaneo, diminuendo così la profondità della ruga. La sua azione determina infatti una proliferazione ed una differenziazione dei cheratinociti (le cellule che vanno a costituire l'epidermide) ed aumenta la produzione dei Glucosamminoglicani (GAG), molecole in grado di legare l'acqua migliorando l'idratazione cutanea.
A livello del derma la vitamina A agisce, invece, determinando un aumento della produzione di collagene, con un conseguente miglioramento di quella “struttura di sostegno” che contribuisce a conferisce tono ed elasticità alla pelle.
La vitamina A, in tutte le sue forme, è però facilmente soggetta a degradazione se esposta alla luce e all'aria: è preferibile quindi impiegarla in creme notte.

La molecola di acido retinoico è una particolare forma di vitamina A molto più efficace delle altre nel trattamento dell'invecchiamento precoce ma, a causa della sua attività fortemente cheratolitica e potenzialmente irritante, ne è consentito l'uso solo in campo dermatologico.
Il suo impiego nelle formulazioni cosmetiche è spesso accompagnato a quello delle vitamine E e C, poichè la loro associazione determina un potenziamento ed un prolungamento dell'azione antiossidante.
E' una vitamina liposolubile, quindi si aggiunge nelle creme in fase C. Incompatibile con acido stearico, perchè si decompone.
Foto-sensibilizzante in estate.
Serve a rallentare l'invecchiamento cellulare e a trattare pelli squamose e molto secche, aumenta la produzione di collagene, è perfetta usata in prodotti contorno occhi .
Uso: dallo 0,1 all'1%
Benchè non si rovini con il calore si inserisce in fase C tramite un olio oppure dopo averla sciolta in un solubilizzante apposito.
Utilizzarla sempre con un'adeguata % di grassi altrimenti si rischia la separazione.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.