martedì 18 ottobre 2011

I COLORANTI

Seppur molti coloranti provochino sensibilità e irritazioni alla pelle e l'assorbimento di certi colori può provocare esaurimento di ossigeno nel corpo e morte, vengono comunque largamente usati nei prodotti destinati alla grande distribuzione. I coloranti che sono usati nei cibi, medicinali e cosmetici, sono ottenuti dal catrame di carbone e ci sono molte controversie rispetto il loro uso, comunque studi sugli animali (purtroppo), hanno dimostrato che sono quasi tutti agenti cancerogeni.
La loro funzione generale è quella di rendere l'aspetto del cosmetico il più gradevole possibile. Si possono suddividere in:

-coloranti naturali
-coloranti sintetici

Ovviamente noi useremo solo coloranti naturali, cioè ossidi, miche e ocre.
-OSSIDI disperdibili in una miscela di polveri o in sospensione in creme, lozioni, saponi ..
-MICHE disperdibili in una miscela di polveri o in sospensione in creme, lozioni, saponi ..
-OCRE disperdibili in soluzione acquosa, gel, creme, latti, saponi ...

Dal punto di vista della solubilità possono essere ulteriormente distinti in:

-coloranti solubili in acqua;
-coloranti solubili nei grassi;
-coloranti dispersibili;

Coloranti solubili nell'acqua saranno indicati per prodotti con base acquosa come shampoo e bagnoschiuma, mentre quelli solubili nei grassi per prodotti oleosi, come oli solari e da massaggio. Nei prodotti decorativi la principale funzione del colore è invece quella di modificare e rendere più gradevole l'aspetto di zone specifiche dell'epidermide.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.