lunedì 12 dicembre 2011

COME FARE UNA CREMA SEMPLICE

LA COLD CREAM

Questa è la base per la preparazione delle creme.
La cold cream è una crema semplice, composta da acqua, olii e cera d'api, che serve ad emulsionare (quindi far stare assieme) l'acqua e l'olio.
Le emulsioni, sono delle miscele ottenute da due elementi non miscibili tra loro, infatti se proviamo ad unirli insieme, questi rimangono separati. Aggiungendo un emulsionante, ad esempio la cera d'api, questo non avviene.
La base per realizzare un'emulsione è la seguente:

FASE ACQUOSA  EMULSIONANTE FASE GRASSA

20 gr di cera d'api gialla (dal 5 al 20% in base alla consistenza voluta)
60 gr di olio vegetale non termolabile (mandorle, oliva, cocco, macadamia ecc.)
20 gr di acqua distillata (max 25,30%)

Preparazione:

Fondere in un contenitore a bagnomaria, la cera insieme all' olio. A parte scaldare l'acqua a 70° circa. Unire l'acqua alla fase oleosa, piano piano, frullando fino a formare l'emulsione. Continuare  mescolare con un cucchiaino, finchè la crema diventa fredda.

Volendo, possiamo utilizzare  degli  oleoliti nelle nostre cold cream, oppure degli oli sensibili al calore, in questo caso, occorrerà  miscelarli alla fine, quando la crema si sta raffreddando. Possiamo anche aggiungere degli oli essenziali, sempre alla fine, oppure sostituire l'acqua distillata con degli idrolati, o aggiungere delle tinture nella fase acquosa max al 5%.
Il tempo di conservazione è di un mese circa, a temperatura ambiente, e di 2-3 mesi in frigo.


http://arcadia.forumup.it/about562-arcadia.html

12 commenti:

  1. 60 gr di olio vegetale non termolabile ..

    scusi ,sono alle prime armi :(
    l olio di ribes noir e' adatto per fare questa crema? (non so se e' termolabile )

    RispondiElimina
  2. Per una pelle mista olio di girasole puo andar bene? E posso aggiungere o.e di lavanda e di limone?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa ricetta è una cold cream e non và per niente bene per il viso...... è troppo cerosa e troppo grassa.. viene usata per i piedi o anche per il corpo ma quando si ha la pelle secca....ti consiglio di visitare la categoria apposita pelle mista..

      Elimina
  3. Ciao :)
    Per 100 gr. di prodotto posso metterci 16 gocce di Cosgard (conservante)? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      certo che puoi! Anche se essendo una cold cream ad alto contenuto di grassi può anche essere omesso.

      *Ele*

      Elimina
  4. Hai scritto "possiamo utilizzare degli oleoliti oppure degli oli sensibili al calore, in questo caso occorrerà miscelarli alla fine"...
    "in questo caso" è riferito solo agli oli sensibili al calore o ANCHE gli oleoliti vanno miscelati a freddo? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lulù58!
      ci riferiamo ad entrambi! Gli oli termolabili si rovinano con il calore, quindi è meglio inserirli in fase C a freddo, ma anche gli oleoliti: pur utilizzando un olio non termolabile nell'oleolito, le droghe, scaldandosi, potrebbero perdere delle proprietà. Non è nulla di certo, ci sono pareri discordanti al riguardo, ma nel dubbio è preferibile usarli in fase C.

      *Ele*

      Elimina
  5. Si possono aggiungere delle goccie di conservante (cosgard) e quante di essa, per garantire una efficiente conservazione della crema se non tenuta in frigo?

    RispondiElimina
  6. Ciao,
    leggi la risposta che ho dato sopra ;)

    *Ele*

    RispondiElimina
  7. Ciao!
    Sto iniziando ad approcciarmi al mondo dell'alchimia e vorrei imparare le cose per bene! Da ciò che ho letto e visto, so che quando si fa una crema bisogna poi misurare il ph. Come mai in questa ricetta non c'è scritto?
    Scusate tanto, per voi sembrerà una domanda assai stupida, ma purtroppo sono proprio una neofita e non vorrei combinare danni!!!

    Un caro saluto

    Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una crema base senza attivi che possano modificare il ph, che sarà sicuro 5.5

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.