giovedì 14 marzo 2013

LATTATO DI SODIO

Funzioni: agente tampone, umettante, antibatterico
Doppio bollino verde sul Biodizionario di Fabrizio Zago


  • Il lattato di sodio è un sale sodico dell'acido lattico naturale, prodotto dalla fermentazione dello zucchero. E' un additivo alimentare più precisamente è un acidificante e serve a conservare il grado di freschezza del prodotto, viene regolarmente usato nell'industria dolciaria e casearia per la sua efficacia di inibire la maggior parte dei batteri patogeni (non ammazza molti batteri ma gli impedisce di crescere). Nei soggetti con intolleranza al lattosio può portare reazioni avverse ed in alcuni casi anche tossicità. 

  • Il sodio lattato viene impiegato oltre all'industria alimentare, anche nel campo della cosmesi all'interno delle formulazioni di creme, shampoo, sieri, gel bagno, saponi ecc. Appartiene al gruppo delle sostanze idratanti che preservano l'umidità propria e fisiologica della pelle, pH leggermente acido. L' acido lattico libero e il suo sale, il lattato, formano una soluzione tampone che mantiene il pH della pelle in una posizione fisiologicamente favorevole. Gli ioni del sodio lattato vengono neutralizzati dal sale o l'acido a seconda delle sostanze basiche o acide che vengono a contatto con la pelle, e il pH è tamponato in questo modo, cioè viene mantenuto stabile. 

  • Nell'industria della cosmesi il lattato di sodio si usa (in combinazione con l'acido lattico) in due funzioni: in primo luogo, essa serve come un idratante naturale e fisiologico, agente sinergico antiossidante, dall'altro come un buffer che assicura la stabilità chimica di una emulsione. Quando incorporato in una soluzione acquosa di urea (per esempio, in un emulsioni O / W), essa può decomporsi rilasciando ammoniaca e un aumento del pH. Lattato di sodio e acido lattico possono impedirne la disintegrazione. In dermatologia è pertanto utilizzato principalmente in preparazioni contenenti urea.  L'igroscopicità del lattato di sodio è pronunciata e significativamente superiore a quella del glicerolo o urea. E' reperibile puro (in polvere) o in soluzione  (liquido, chiedere in che % è la soluzione al venditore). In cosmesi si usa in soluzione al 50% e al 60% secondo la Farmacopea europea.

  • Il lattato di sodio può essere inserito nelle creme cosmetiche (al 5%, oltre può pregiudicare la stabilità delle emulsioni) ha funzione umettante, può sostituire la glicerina (senza il problema dell'appiccicosità e della moltiplicazione dell'effetto untuoso), rende la pelle morbida e soffice al tatto. Ottimo nelle creme anti-age. E' importante usare addensanti naturali come xantana e idrossietilcellulosa, il sodio lattato altera le creme addensate con copolimeri acrilati di stirene ed addensanti sintetici vari.

  • Il lattato di sodio usato nel processo di saponificazione (specialmente a caldo)  garantisce una fluidità ottimale del sapone e conferisce maggiore durezza al sapone finito, schiuma migliore e la stagionatura ridotta. Per incorporare il lattato di sodio il polvere si calcola dall'1% al 5%  dell'acqua necessaria per la soluzione caustica, sottraendolo all'acqua. Per incorporare il lattato di sodio liquido (al 60%) nelle formule di saponi, calcolare dal 1 al 5% del peso degli oli, considerando che è composto al 40% da acqua, bisogna quindi togliere il 40% del suo peso alla quantità dell' acqua.
         Esempio: al 5% per 500 gr di oli, si metteranno:
         25 g di lattato di sodio
         40% x 25 g = 10 g d'acqua in meno

Il lattato di sodio è reperibile da Vernile o Percarbonatodisodio.it
                                  ╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮╭☆╮
╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯╰☆╯          

Nel link pubblicato in basso viene spiegato come produrre in casa il lattato di sodio a partire da acido lattico e idrossido di sodio (soda caustica), naturalmente bisogna usare delle accortezze siccome può essere molto pericoloso se maneggiato in maniera impropria.

FORMULA
10 gr di lattico (90%) + 4 gr NaOH (soda caustica) + 6,5 gr d’acqua = sodio lattato al 60%

http://lola.mondoweb.net/viewtopic.php?f=19&t=28711

4 commenti:

  1. Ciao, un chiarimento: metto lattato di sodio e acido citrico oppure solo uno dei due? Se la risposta è "uno dei due" allora quale?
    Grazie Rory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rory,
      puoi mettere o uno o l'altro o entrambi :)

      *Ele*

      Elimina
  2. Ciao, come aggiungo il lattato di sodio nella saponificazione? e lo posso aggiungere anche nel metodo a freddo?

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.