giovedì 22 settembre 2011

ESTRATTO ALCOOLICO (TINTURA CLASSICA) DI LAVANDA (Alice T.)

FORMULA

Tintura classica 1:5
A macero per 8 giorni
(alcool 60°)

20      gr lavanda secca            
48,19 gr alcool
39     gr acqua
PROCEDIMENTO
Dopo aver diluito l'alcool, mettere la droga  a macerare 8 giorni.
MODO D'USO
Applicare sulla pelle con un tamponcino di cotone. Si può utilizzare nei preparati cosmetici come attivo purificante massimo al 2%

Ottimo per preparazioni cosmetiche per tutti i tipi di capelli e di pelle. Potente battericida ed antinfiammatorio, favorisce la cicatrizzazione di piaghe e ferite, purificante e antisettica.  La tintura viene usata per frizioni sui capelli grassi.

6 commenti:

  1. Ciao e complimenti per il fantastico blog!
    potete spiegarmi la differenza tra la tintura di lavanda e l'olio essenziale? non tanto per il procedimento, quanto per gli effetti..

    RispondiElimina
  2. Olio essenziale e tintura madre sono prodotti diversi. L'o.e. viene ottenuto soltanto per distillazione o spremitura nel caso degli agrumi, tutti i prodotti ottenuti con altri metodi non possono avere la denominazione o.e. Per ottenere anche poche gocce di questo prodotto vengono usate grandi quantità di pianta, perci l'o.e. è un prodotto molto attivo. L'o.e. è una miscela complessa di molte sostanze chimiche (terpeni, fenoli e altri) e questo spiega le differenti azioni che possono avere sull'organismo. Non tutte le piante producono oli essenziali.

    Mentre la tintura madre è un termine che si utilizza in omeopatia per descrivere il preparato ottenuto a partire dalla droga fresca messa a macerare in una soluzione idroalcolica con una determinata proporzione da cui poi si partirà per fare le diluizioni centesimali, i CH che seguono il nome della pianta nei preparati omeopatici. Nella tintura madre pu esserci una parte di olio essenziale, non esclusivamente quello, e altri composti, e sicuramente la quantità di olio essenziale è molto ridotta rispetto all'o.e. putro. Per questo le dosi sono decisamente maggiori.

    Per è appunto un termine omeopatico, in erboristeria si parla di tintura senza il termine madre, per descrivere quei prodotti ottenuti per macerazione della droga in soluzioni idroalcoliche o vino. Cambiano dosi e tecniche.

    Quando utilizzare una o l'altra dipende da molti fattori, dal tipo di problema, dal tipo di pianta etc..

    RispondiElimina
  3. si può fare anche di camomilla? se si, quanto lo si deve lasciar macerare? noto che ogni pianta ha un suo macero anche se la ricetta generale è di 20 giorni. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aileen,
      leggi qui: http://www.galenotech.org/camomilla.htm

      "Tintura: si prepara macerando per 8 giorni 20 g di fiori sminuzzati in 100 g di alcol a 70°. Filtrare e conservare in bottiglia di vetro scuro con contagocce".

      *Ele*

      Elimina
  4. Salve,
    ho un dubbio circa la gradazione dell'alcool a 60°. Le dosi riportate nella formula di acqua e alcool (96°?), consentono già di ottenere una soluzione di alcool a 60°? Oppure devo prima diluire l'alcool fino a 60° e poi utilizzare le dosi della ricetta di acqua, alcool e droga?
    Grazie

    RispondiElimina
  5. Segui la formula così com'è scritta, il calcolo è già stato fatto se usi alcool tipo buongusto.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.