venerdì 2 dicembre 2011

ATTIVI: VITAMINA E ( TOCOFEROLO)

Il tocoferolo è un nutriente vitaminico essenziale e vitale per l'uomo, un potente antiossidante liposolubile, presente in molti vegetali, ad esempio nella frutta, nell'olio di canapa, nell'olio d'oliva e soprattutto nell'olio di germe di grano. E’ uno dei principali composti detti vitamina E, e per questo ne viene comunemente usato interscambiabilmente il nome. Si mette nelle nostre preparazioni quali creme, latti, ecc. , nella fase B o C.

In natura esistono otto composti aventi l’attività biologica della vitamina E che si dividono in due gruppi:

1. Tocoferoli (α, β, γ, δ): hanno una catena laterale satura (senza doppi legami)


2. Tocotrienoli (α, β, γ, δ): hanno una catena laterale insatura (presentano dei doppi legami)

I tocoferoli sono composti oleosi, insolubili in acqua e solubili nei solventi apolari. Sono facilmente degradati dall’ossigeno e dai raggi UV e sono abbastanza resistenti al calore.

La vitamina ha un ruolo importante, quale fattore antiossidante, nella prevenzione di un processo chimico chiamato perossidazione lipidica. Prima di parlare dell’effetto della Vitamina E, vediamo quindi di chiarire cosa si intende per perossidazione lipidica.

Le nostre cellule sono formate da moltissimi piccoli organi, tanto che sono in grado di avere una vita propria e si possono ottenere delle “colture” anche in vitro, cioè all’esterno del corpo. Ogni cellula è circondata da una membrana che fa da isolante e gestisce l’ingresso delle sostanze nutritive necessarie all’azione cellulare e l’uscita delle sostanze di scarto; tale membrana è formata da un doppio strato di “fosfolipidi” cioè molecole formate essenzialmente da lipidi (cioè grassi). Quando la membrana funziona bene perché è sana, anche le cellule lavorano bene. Il fenomeno della perossidazione lipidica (detto anche stress ossidativo) colpisce principalmente i lipidi contenuti nelle membrane cellulari ed è causato dalla reazione di queste molecole con dei radicali (atomi o molecole estremamente reattivi perché contengono un elettrone singolo che cerca costantemente di reagire con qualcosa) che sono sempre presenti nell’atmosfera ma che negli ultimi anni sono notevolmente aumentati anche a causa dell’inquinamento e si formano dalla decomposizione dell’ossigeno per azione dei raggi UV. La reazione che avviene è molto pericolosa perché è definita “a catena”, cioè basta un solo radicale derivato dall’ossigeno per distruggere molte molecole contenenti lipidi, quindi molte cellule! Una cellula che viene attaccata dai radicali liberi invecchia precocemente.

La vitamina E è in grado di bloccare questo fenomeno donando un elettrone ai radicali perossilipidici (formati dalla reazione tra il radicale ossigeno e i lipidi) rendendoli in tal modo meno reattivi e bloccando di fatto la reazione a catena. In pratica la vitamina E riesce a fermare il danno prima che la cellula invecchi completamente!
Dopo la reazione la vitamina E si trasforma in un radicale α-tocoferossilico che è piuttosto stabile e che può reagire con la vitamina C o con il glutatione o con il coenzima Q10 per riformare l’α-tocoferolo. Per questa ragione è conveniente utilizzare la vitamina E in accoppiata con la vitamina C.

Da un punto di vista cosmetico, esistono tre forme diverse di vitamina E:

TOCOFEROLO PURO= è un liquido molto denso di colore marroncino ed è di natura semisintetica in quanto si ottiene dal γ tocoferolo estratto dagli oli e modificato chimicamente per ottenere la forma D-α-tocoferolo che è la più attiva da un punto di vista biologico

TOCOFEROLO IN POLVERE = è composto al 50% da silice e al 50% da tocoferolo e può essere usato nelle creme emulsionate a caldo perché in caso contrario non si scioglie

TOCOFEROLO ACETATO = venduto anche come olio VEA, è un olio denso ma chiaro e spesso viene venduto come sostituto del tocoferolo anche perché ha un costo inferiore. In realtà questo composto è un estere della vitamina E e la sua azione in quanto tale è solo emolliente e cicatrizzante ma non antiossidante. Poiché la reazione con cui il tocoferolo diventa tocoferolo acetato è reversibile (cioè può tornare indietro e dal tocoferolo acetato si può riottenere il tocoferolo) in molti siti le due sostanza sono considerate equivalenti. In realtà tale reazione sulla pelle è estremamente lenta tanto da risultare quasi inesistente per cui si può dire che l’azione antiossidante del tocoferolo acetato rispetto al tocoferolo puro è data esclusivamente da una piccolissima quantità di tocoferolo puro presente nell’acetato (massimo il 3%). In pratica se mettiamo 1 gr di tocoferolo acetato in una preparazione cosmetica, è come se avessimo messo 0,03 g di tocoferolo (nella migliore delle ipotesi!).

In definitiva, se vogliamo utilizzare il tocoferolo acetato come antiossidante dobbiamo usarne di più e quindi anche se costa meno il risparmio sparisce. Le percentuali d’uso delle due sostanze come effetto antiossidante (ma l’acetato lo ha sempre in misura molto minore) sono:

TOCOFEROLO PURO 1-3%


TOCOFEROLO ACETATO 5-10%

Da considerare che per prevenire l’ossidazione degli oleoiti è necessario usare solo il tocoferolo puro perché l’acetato per dar luogo alla reazione con cui forma il tocoferolo puro, ha bisogno di acqua, sostanza ovviamente assente negli oleoiti.
Potete acquistarli in farmacia, oppure on-line.
http://www.aroma-zone.com/aroma/conservateurs.asp#vitamineE

Purtoppo non ricordiamo la fonte dove abbiamo preso queste informazioni, se qualcuno può fornirci il link, lo metteremo subito!

24 commenti:

  1. La vitamina E, si può usare anche in assoluto, o necessita diliurla in creme olii ecc?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh io,la uso anche senza aggiunta di creme o se proprio occorre di solito in inverno lo mescolo,con vitamina D e un olio a mio piacere ma anche più oli se preferite!!

      Elimina
  2. Si inserisce nei cosmetici solitamente!

    RispondiElimina
  3. ma se volessi copiare l'olio vea... o cmq fare un olio per massaggio come posso utilizzarlo?

    RispondiElimina
  4. Ciao l'inci dell'olio vea è tocoferile acetato, quindi non è denso come il tocoferolo. per avere un buon olio da massaggio, puoi usare mandorle, o quello che preferisci, addizionato di un 3% di tocoferolo, oppure 10% di tocoferile acetato.

    RispondiElimina
  5. Ciao, mi chiedevo 2 cose sulla vitamina E:
    1-una volta aperto il suo contenitore, quanto tempo si può conservare?
    2- ho fatto un oleolito a giugno,ma non avevo la vit.E, ha senso aggiungerne un pò all'oleolito ora-2 gennaio-oppure no?
    Premetto che conservo il tutto al chiuso, al buio, lontano da fonti di calore.Grazie, Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      La vitamina E dopo qualche mese puzza di rancido e quindi si rovina, meglio non usarla. Poi dipende da come viene conservata: se si pulisce bene il tappo, se è stata al buio in luogo fresco e asciutto... La conservazione è di 3 mesi circa ma arriva anche a 6!
      Per quanto riguarda l'oleolito, puoi aggiungerla anche adesso!

      *Ele*

      Elimina
  6. ciao! vorrei sapere come si conserva il tocoferolo puro, una volta aperta la confezione, e quanto tempo resiste. Ciao e Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      ti accorgi che il tocoferolo è andato a male quando... puzza di pesce! Attenzione, perché il tocoferolo di AromaZone ha un odore pungente anche quando è buono: è andato a male quando l'odore è insopportabile e persiste nelle preparazioni!

      *Ele*

      Elimina
  7. si ma sotto a che nome lo trovo il tocoferolo su aroma zone...scusate ma non so il francese....grazie.
    Sara

    RispondiElimina
  8. Si trova sotto il nome di vitamina E, nella sezione conservanti
    http://www.aroma-zone.com/aroma/conservateurs.asp

    RispondiElimina
  9. Ciao, siccome siete molto gentili, e mi avete sempre risposto in altre occasioni, oggi ho cercato argomento tocoferolo ed ho trovato il post qui sopra e l'ho letto, siccome tempo fa ho comprato delle capsule di tocoferolo ad uso orale, mi é sorto un dubbio mentre leggevo, voi dite che il tocoferolo puro è di color marroncino e il tocoferolo acetato giallino, ho rotto allora una delle capsule per vedere se avevo il tipo giusto, cioè quello che avevo creduto di avere puro, invece il colore è di quello acetato, ma come é possibile? Ho chiesto alla farmacista tocoferolo puro e specificato non acetato, e mi ha letto la composizione e mi ha detto ok queste contengono tocoferolo puro, in fiducia e nell'ingnoranza le ho prese, ora non so se posso citare la marca, ma vi metto la composizione, magari voi ne sapete di più perché io non riesco a capire anche leggendo il vostro post, una capsula molle contiene : principio attivo :
    RRR-a- tocoferolo soluzione oleosa mg 400 ( pari a 400 U.I. di vitamina E) che vuol dire? Posso usarlo per le ricette? O devo procurarmi quello giusto? Vi ringrazio anticipatamente per il disturbo grazie.
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara,
      grazie per il complimento!

      Il principio attivo è quello: si tratta di tocoferolo!

      *Ele*

      Elimina
    2. Grazie, allora posso stare tranquilla ed inserirlo nei preoarati alle percentuali di quello puro? Grazie ancora ciao
      Barbara

      Elimina
    3. Certo: in capsule o in bottiglietta è sempre quello :)

      Ciao!

      *Ele*

      Elimina
    4. Il tocoferolo in compresse non è puro ma miscelato con oli (soluzione oleosa) per ottenere la quantità desiderata, in questo caso 400UI (che è un'ottima quantità), per questo è di colore più chiaro. Comunque va benissimo per uso cosmetico (anzi è anche meglio, primo perché di solito sono mix di diversi Tocoferoli, quindi più completo del comune tocoferolo per uso cosmetico, secondo perché aprendo le capsule a necessità si conserva molto molto meglio non facendo entrare a contatto con l'aria tutto il prodotto una volta aperto) tenendo pero' presente che comunque un grammo di olio della capsula NON corrisponde ad grammo di tocoferolo. Generalmente 1mg di tocoferolo corrisponde ad un UI quindi ogni capsula dovrebbe contenere 400 mg di tocoferolo. Saluti :)

      Elimina
  10. Ciao! Volevo sapere se il Tocoferolo venduto da aroma-zone fosse puro o acetato, ho aperto e letto anche la scheda tecnica, ma non è specificato :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia,
      il tocoferolo di AromaZone è venduto come puro e non acetato... ma puro puro non lo è, infatti nell'INCI si parla anche di olio di semi di girasole. Meglio il tocoferolo di altri siti di materie prime ;)

      *Ele*

      Elimina
  11. Ciao complimenti per il post. Volevo sapere quante gocce di vitamina E per quanti gr di prodotto! Grazie! !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao begi9289,
      sulla scheda tecnica di AromaZone si riporta che 0,2 g sono circa 8 gocce di prodotto!

      *Ele*

      Elimina
  12. Ciao volevo sapere se nella preparazione di cosmetici esiste un "sostituto" al tocoferolo! Grazie :)

    RispondiElimina
  13. ciao! ho trovato l'articolo molto interessante, ho comprato da poco degli ovuli vaginali a base esclusivamente di tocoferolo acetato, e dato il prezzo altissimo (15 euro per 6 applicazioni) mi chiedevo se fosse possibile usare a casa il tocoferolo con la possibilità di inserirlo in vagina, in modo da ammortizzare il prezzo

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.