venerdì 1 marzo 2013

COS'E' E COME SI PREPARA ARTIGIANALMENTE UN IDROLATO?





Gli idrolati sono delle acque contenenti i principi attivi volatili, estratti per processo di distillazione da piante aromatiche o erbe medicinali. A differenza degli oli essenziali sono molto più leggeri e possono essere usati assoluti. Ogni specie vegetale conferisce delle caratteristiche al nostro idrolato, come, del resto, accade con gli oli essenziali. Solitamente gli idrolati sono degli ottimi tonici della pelle ma possono anche essere vaporizzati sul corpo o sul viso per sfruttare nello stesso tempo l'effetto benefico delle piante e del vapore.
Dato che l’essiccamento, per quanto ben fatto, è sempre causa di perdite qualitative e quantitative di essenza, esclusi particolari casi ( come ad esempio la valeriana), si procede alla distillazione delle piante appena terminata la raccolta. Sono usate le erbe fresche che vengono raccolte in zone incolte, dove la non presenza dell’elemento uomo, permette la crescita spontanea di quelle erbe che, sviluppandosi nel loro habitat, sono ricche di quei principi attivi che, solo con accurate coltivazioni indenni da antiparassitari e fertilizzanti chimici, si potrebbero avere in egual quantità e qualità. Si riscalda fino a bollire la materia prima con dell’acqua o la si tratta con una corrente di vapore, le cellule oleifere rigonfiano, la membrana cellulare si lacera sotto l’azione della pressione interna e le goccioline di essenza disperse nel protoplasma fuoriescono. La miscela di vapore acqueo e di vapori di essenza viene inviata in un refrigerante ove si condensa, per raccogliersi infine in un separatore che ci permetterà di dividere la fase acquosa (IDROLATO) da quella oleosa (ESSENZA) .
Il metodo che vi proponiamo per realizzare un idrolato, è un surrogato di quello reale. Non si utilizzerà un distillatore per raccogliere il vapore ma una pentola senza separatore, quindi la parte oleosa non verrà recuperata.

Procurarsi:
- pentola in acciaio. 
- pentola forata da inserire dentro l'altra pentola, dello stesso diametro.
- ciotola resistente al calore.
- droga fresca spezzettata.
- ghiaccio in quantità.


Mettere dell'acqua nella pentola, in modo che la vaporiera una volta posizionata non venga raggiunta dall'acqua.
Deporre sopra la droga, poi la ciotola in mezzo, facendo attenzione che non vada a finirci dentro qualche fiore o foglia.
Chiudere con un coperchio, meglio se di vetro o in pirex, leggermente bombato, affinché le goccioline di vapore convergano al centro e cadano all'interno della tazza.
Sigillare con alluminio, dal tappo fino a tutta la lunghezza della pentola, in modo da non fare uscire nemmeno un po' di vapore.
Accendere il fuoco a media intensità, e mettere sul coperchio dei cubetti di ghiaccio, appena si sciolgono raccogliere il ghiaccio sciolto (acqua) con un grande asciugamano e rimettere nuovi cubetti di ghiaccio.
Fattenzione che ci sia sempre abbastanza acqua nel pentolone, altrimenti si potrebbe bruciare il tutto.

Immagini di Angelica B.
P.S.In mezz'ora di bollitura ho raccolto 300 gr di idrolato. (Angelica B.)

http://arcadia.forumup.it/about361-0.html

10 commenti:

  1. Bellissima questa ricetta! Ho una domanda: essendo il coperchio di vetro, non si rischia di romperlo col fatto che c'è calore all'interno e all'esterno il ghiaccio?
    Grazie! :)

    RispondiElimina
  2. ciao, vorrei chiedere un chiarimento, il coperchio è messo sottosopra? cioè per intenderci con il pomello verso la ciotola?

    RispondiElimina
  3. Ciao! In effetti il coperchio è in pirex, non in vetro, è messo sottosopra per far convergere le gocce di acqua al centro della tazza.

    RispondiElimina
  4. ciao una domanda, bisogna mettere l'acqua del rubinetto, quello della bottiglia o quella demineralizzata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Diletta,
      acqua demineralizzata o di bottiglia con basso residuo fisso!

      *Ele*

      Elimina
  5. ok! pensavo appunto di usare la demineralizzata ma prima ho chiesto x sicurezza :D

    grazie mille

    RispondiElimina
  6. ciao oggi ho preparato l,idrolato di rosmarino,come coperchio ho messo lo stesso in dotazione della pentola a vapore(inox) d0veva essere in pirex? non ho lavato il rosmarino dovevo risciacquare?(rosmarino del mio giardino )(no smog) cica 1 ora a calore moderato (circa 150 ml di idrolato) può andar bene!!!!!grazie selly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Selly,
      scusa ma non mi è chiaro qualcosa: ma hai usato la pentola a pressione così com'è o l'hai modificata?
      Non serve lavare il rosmarino!

      In ogni caso, leggi questi topic:
      http://naturaebellezza.forumfree.it/?t=64761749
      http://naturaebellezza.forumfree.it/?t=62373926

      *Ele*

      Elimina
  7. ciao una volta fatto l'idrolato devo metterci il conservante,grazie per i vostri meravigliosi consigli

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.